PeruEtico: l'idea

PeruEtico è un tour operator di turismo responsabile con sede a Cusco sulle Ande, che organizza viaggi in Perù, Messico ed Argentina.

Siamo anche un'Associazione specializzata nell'inclusione sociale in Perú. PeruEtico, 2 realtà, 1 sogno in comune, turismo e solidarietá.

PeruEtico: il viaggio

Ti piacerebbe poter finanziare, con il tuo viaggio, dei microprogetti in zone disagiate del Perù?

Vorresti entrare in contatto con la popolazione locale e vedere come vive? Preferiresti visitare il paese scoprendo luoghi fuori dalle solite rotte convenzionali?

Argentina

Ecco le risposte alle domande più frequenti sull'Argentina, sappiamo bene che non bastano mai :-D. Ma noi come sempre siamo sempre pronti a rispondere ai vostri quesiti quindi se avete altre perplessità scriveteci a: info@peruetico.com saremo lieti di dissipare qualsiasi dubbio!

Argentina

Regioni e climi

L'Argentina si può visitare tutto l'anno, la Patagonia invece si consiglia di visitarla - dato il freddo e le pochi ore di luce invernali - da ottobre a aprile. L'Argentina è limitata ad occidente dalla Catena Andina, che segna il confine con il Cile, a nord dagli altipiani brasiliani e a sud dal tavolato della Patagonia. Affacciata sull'Oceano Atlantico, si trova la vasta pianura piatta e uniforme della Pampa. Il paese ha una varietà climatica a causa del fatto che si estende lungo 3700 km. di lunghezza andando da un clima subtropicale nella parte nord-orientale ad uno molto freddo, come si ha nella Terra del Fuoco (emisfero sud). L'area della Pampas è caratterizzata da un clima temperato (escludendo alcune zone caratterizzate da precipitazioni scarse), mentre la regione andina presenta i tipici caratteri del clima montano, con forti escursioni termiche ed inverni rigidi. Più aride sono le Ande settentrionali, mentre piogge abbondanti vengono registrate a sud del Paese, dove prevale un clima oceanico freddo. Nelle zone del nord-est c'è un clima tropicale. A Buenos Aires, la migliore stagione è la primavera (fine di settembre-inizio di dicembre) meno consigliate le estati poiché sono calde-umide e con possibilità di temporali.

Trasporti

Aerei La compagnia di bandiera, Aerolíneas Argentinas/Austral (0810-222-86527; www.aerolineas.com), è quella che offre più voli domestici, ma non è necessariamente la scelta migliore. In effetti, la sua cattiva reputazione per i ritardi è così consolidata che si sconsiglia vivamente di affidarsi a Aerolíneas Argentinas per prendere una coincidenza.
Bus L’Argentina ha un’eccellente rete di autobus che comprende quasi tutto il paese. Gli autobus che percorrono lunghe distanze sono veloci e confortevoli – alcuni dispongono anche di un servizio di ristorazione. Per contro, il prezzo dei biglietti è piuttosto alto e soggetto a incredibili variazioni.
Noleggio AutoConsiderata l'estensione del paese molte zone sono accessibili solo con veicoli privati come nel caso della Patagonia. Troverete le tariffe di noleggio più convenienti presso le agenzie locali, anche se non mancano certo le compagnie internazionali. Per noleggiare un veicolo dovete avere almeno 21 anni ed essere in possesso di una patente di giuda (in teoria una patente internazionale) e di una carta di credito.

Moneta e modalità di pagamento

La moneta ufficiale del Messico è il Peso Argentino. Gli sportelli bancomat sono presenti in tutte le città dell’Argentina e accettano tutte le carte di credito principali, dal momento che quasi tutti sono collegati ai circuiti Cirrus, Plus o Link. Usare un bancomat è il modo migliore per ottenere denaro contante, ma il lato negativo è che molte macchine permettono un prelievo massimo di AR$300 a transazione. Anche se è possibile prelevare AR$300 più volte dalla stessa macchina, tenete presente che molte banche addebitano AR$15 a transazione. Se vi affidate ai contanti ricordatevi che cambiare banconote di grosso taglio è un problema un po’ ovunque nel paese. Quando potete, cambiatele presso una banca. Le carte di credito più comunemente accettate sono Visa e MasterCard, ma American Express e altre carte sono valide in molti esercizi commerciali. Alcuni locali aggiungono il 5%-10% di commissione per i pagamenti con carta di credito. Se dovete cambiare valuta straniera, il dollaro americano è quello più accettato, anche se i pesos cileni e uruguayani sono facilmente scambiabili ai confini. Nei cambios delle grandi città potete scambiare contante in euro o dollari, ma altre valute sono difficili da scambiare fuori da Buenos Aires. Per cambiare travellers’ cheque vengono applicate commissioni molto alte; inoltre è molto difficile trovare un posto dove li accettano, quindi li sconsigliamo per i viaggi in Argentina.

Fuso orario & Visto

Ci sono 4/5 ore in meno rispetto all'Italia a seconda dell'ora legale. Non è necessario per i cittadini della maggior parte dei paesi americani e dell'Europa Occidentale. Una volta arrivati in Argentina avrete automaticamente un visto turistico, generalmente della validità di 90 giorni.

Sicurezza

L'Argentina è un paese complessivamente sicuro e tranquillo. Il degrado di alcuni distretti urbani e suburbani conferma l'incremento della microcriminalità tipica delle aree metropolitane, quindi è sconsigliato circolare di notte in tutta l'area periferica della capitale (Gran Buenos Aires) ed in alcuni sobborghi della città, le “Villas” cioè le favelas argentine.

Cosa portare

Per quanto riguarda il vestiario da portare, dipende molto dal periodo in cui si decide di intraprendere il viaggio, in un tour che dovesse prevedere sia la parte nord che il sud è vivamente consigliabile essere pronti a tutte le evenienze.
In ogni caso, per andare in Patagonia vestirsi molto coperti con un’ottima giacca a vento e maglioni di lana è indispensabile in qualsiasi momento dell’anno.

Cucina

L’argentina ha una cucina semplice e molto saporita. Eccezionali sono le carni, vero “must” argentino, paese in grado di far nascere la professione del “parrillero” cioè l’addetto ufficiale alla grilla, che si esprime con tagli tipicamente locali da far impallidire qualunque tentativo di imitazione. Naturalmente quindi ogni portata alla parrilla sarà una esperienza difficile da dimenticare, mentre a Buenos Aires l’asado la fa da padrone, in patagonia la carne più rinomata è l’agnello patagonico consigliato anche da Chatwin.
Discorso a se meritano i vini argentini, migliorati tantissimo negli ultimi anni sono ormai a livelli europei ma molto meno cari, per lo più derivati da vitigni francesi acclimatati nella regione di Mendoza si consigliano il Malbec e il Cabernet-Sauvignon.

Salute

Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali. Non sono previsti particolari accorgimenti se non quelli generati dal buon senso e dall’igiene comune.

Notizie utili

Nome completo del paese: Repubblica di Argentina
Superficie: 2.766.890 kmq
Popolazione: 40.301.927 abitanti
Capitale: Buenos Aires
Popoli: 97% di origine europea (soprattutto spagnoli e italiani), 3% meticci, indios e altre minoranze
Lingua: spagnolo (ufficiale), guaicurù, quechua, tehuelce
Religione: 92% cattolica (meno del 20% i praticanti), 2% protestante, 2% ebraica, 4% ucraina, ortodossa armena e altre religioni
Ordinamento dello stato: repubblica federale di tipo presidenziale
Presidente: Cristina Elizabet Fernández de Kirchner (2007)

Libri & Cinema

LIBRI > Il libro su tutti che consigliamo di portare é "In Patagonia" di B. Chatwin, indispensabile e bellissimo, vi accompagnerà durante il viaggio nella interminabile e stordente Patagonia. Aneddoti, racconti e leggende fanno di questo libro "il libro" da mettere in valigia. Come non parlare poi del più grande scrittore argentino di tutti i tempi,
Jorge Luis Borges che fonde ricerca interiore e metafisica: "L'Aleph", "Finzioni", "Altre inquisizioni" e "Le poesie". C'è poi Julio Cortázar e la crisi dell'uomo di oggi: "Bestiario", "Il gioco del mondo", "Storie di Cronopios e di Fama" e immancabile E. Sabato con il suo “Sopra eroi e tombe” considerato uno dei più interessanti romanzi dell’america latina. Da segnalare assolutamente infine "L'Eternauta", fumetto di fantascienza sceneggiato da Héctor Oesterheld e pubblicato per la prima volta in Argentina tra il 1957 ed il 1959. La trama è spesso considerata una sorta di anticipazione della tragica realtà che l'Argentina avrebbe in seguito conosciuto: il dramma dei desaparecidos, della dittatura militare argentina (il cosiddetto Processo di Riorganizzazione Nazionale) e persino lo stadio. Lo stesso Oesterheld scomparve nel 1977, vittima della dittatura assieme alle sue quattro figlie.

CINEMA > Il cinema argentino è fra i più interessanti dell'America latina. Su tutti brillano il direttore Carlos Sorin e l'attore Ricardo Darin. Far i film da vedere assolutamente i due capolavori sulla dittatura, la "La notte delle matite spezzate" e "Garage Olimpo". Poi vi segnaliamo fra i tanti "Nove regine", "Storie minime", "Bombon il cane", "Il segreto dei tuoi occhi" (Oscar miglior film straniero 2010), "Kamchakta", "Il figlio della sposa", "Il cammino di San Diego".

Qualche domanda? _ +