PeruEtico: l'idea

PeruEtico è un tour operator di turismo responsabile con sede a Cusco sulle Ande, che organizza viaggi in Perù, Messico ed Argentina.

Siamo anche un'Associazione specializzata nell'inclusione sociale in Perú. PeruEtico, 2 realtà, 1 sogno in comune, turismo e solidarietá.

PeruEtico: il viaggio

Ti piacerebbe poter finanziare, con il tuo viaggio, dei microprogetti in zone disagiate del Perù?

Vorresti entrare in contatto con la popolazione locale e vedere come vive? Preferiresti visitare il paese scoprendo luoghi fuori dalle solite rotte convenzionali?

Messico

Ecco le risposte alle domande più frequenti sul Messico, sappiamo bene che non bastano mai :-D. Ma noi come sempre siamo sempre pronti a rispondere ai vostri quesiti quindi se avete altre perplessità scriveteci a: domande@peruetico.com saremo lieti di dissipare qualsiasi dubbio!

Messico

Regioni e climi

Nonostante il Messico sia gradevole da visitare durante tutto l'arco dell'anno, i mesi più frequentati dai turisti, sia del luogo che stranieri sono luglio, agosto, Natale e Pasqua. Il periodo migliore per visitare il Messico va comunque da dicembre a fine agosto (da evitare solo settembre e ottobre). Il clima del Messico è in prevalenza caldo ed umido con caratteristiche prettamente marittime nelle zone costiere e diventa sempre più arido muovendo verso nord. La temperatura diminuisce al crescere dell'altitudine e tenendo conto della elevata altitudine media del paese, appena ci si allontana dalle aree costiere aumenta sensibilmente l'escursione termica media giornaliera, la quale può presentare valori alquanto significativi. I cicloni tropicali, portano forti piogge in estate e all' inizio dell' autunno e presentano maggior incidenza tra la seconda metà di agosto ed il mese di ottobre. A Città del Messico, Oaxaca e San Cristobal durante l'inverno, da gennaio a marzo, la temperatura può scendere notevolmente, anche se solo per brevi periodi. Sulla costa e nella zona di Palenque fa caldo praticamente tutto l'anno.

Trasporti

Aerei I voli interni in Messico non sono più economici come una volta, ma questo modo di spostarsi offre ancora un buon rapporto fra qualità e prezzo, soprattutto se si considera che l'alternativa all'aereo potrebbe essere rappresentata da un torrido e interminabile viaggio in autobus. Negli ultimi anni le grandi compagnie aeree hanno abbandonato molte rotte interne a beneficio di società più piccole, che tuttavia non assicurano orari molto regolari.
Bus Gli autobus sono il mezzo di trasporto più diffuso grazie anche a una capillare rete di collegamenti. Gli autobus a lunga percorrenza sono abbastanza confortevoli, hanno l'aria condizionata e sono ragionevolmente veloci. Gli autobus in servizio sulle linee minori nelle aree rurali sono in genere veicoli decrepiti, abbastanza malridotti e pressoché privi di sospensioni che agonizzano in cerca di una morte dignitosa lungo le strade sterrate. I minibus usati per i collegamenti locali vengono chiamati combi, colectivos oppure peseros.
Treno L'unico viaggio viaggio in treno che vi consigliamo è il Ferrocarril Chihuahua al Pacífico che collega Los Mochis e Chihuahua, altresì conosciuto come il Copper Canyon Railway: è una delle maggiori attrattive del paese grazie al panorama mozzafiato.

Sicurezza

Le aree costiere e le isole del Paese (soprattutto la costa atlantico/caraibica) sono interessate nel periodo che va da giugno ad ottobre da possibili fenomeni ciclonici (tempeste tropicali, uragani ecc.). Il fenomeno della delinquenza comune ed organizzata è in rapido e preoccupante aumento in tutto il Paese, soprattutto a Città del Messico ed in altre grandi città, (Tijuana, Ciudad Juarez, Chihuahua e Morelia), nonché nello Stato del Chiapas ed in alcune aree a maggiore frequentazione turistica, incluse quelle di Cancún nello Stato di Quintana Roo e di Acapulco nello Stato di Guerrero, quindi sempre occhi aperti, anche se lo status di “turista straniero” è comunque un deterrente per molti malintenzionati.

Moneta e modalità di pagamento

La moneta ufficiale del Messico è il Peso Messicano. Il peso è suddiviso in 100 centavos, con monete da 5, 10, 20 e 50 centavos e 1, 2, 5 10 e 20 pesos. Ci sono banconote da 20, 50, 100, 200 e 500 pesos. I bancomat, molto diffusi in Messico, rappresentano il modo più semplice per procurarsi il denaro e possono essere utilizzati per effettuare prelevamenti con le principali carte di credito e alcune carte bancarie, come quelle dei circuiti Cirrus e Plus. è possibile cambiare contante e travellers' cheque nelle banche e nelle casas de cambio. Rispetto a queste ultime, le banche spesso sono più lente e di solito osservano un orario più breve (in genere uguale a quello degli uffici), mentre le casas de cambio sono presenti praticamente in tutte le città, sono veloci e spesso sono aperte la sera o nel fine settimana. Alcune però non accettano i travellers' cheque, diversamente dalle banche. I tassi di cambio presentano qualche variazione da una banca all'altra o da un cambio all'altro; sovente, inoltre, è più conveniente per l'efectivo(contante) che per i documento (travellers' cheque). Se avete difficoltà a trovare un posto in cui cambiare il denaro, in particolare durante il fine settimana, potete sempre provare a rivolgervi a un albergo, tenendo presente però che il tasso di cambio non sarà molto favorevole.

Cosa portare

Da novembre a marzo vestiti leggeri, di preferenza in fibre naturali, per soggiorni balneari; abiti di mezza stagione, indumenti di lana, giacca o giubbotto per Città del Messico e le tierras templadas. Il resto dell'anno vestiti estivi, alcuni indumenti di lana, un impermeabile leggero (sempre a portata di mano per i rovesci temporaleschi talora improvvisi) o giacca a vento.

Fuso orario & Visto

Ci sono 7/8 ore in meno rispetto all'Italia a seconda dell'ora legale. Non è necessario per i cittadini della maggior parte dei paesi americani e dell'Europa Occidentale. Una volta arrivati in Messico avrete automaticamente un visto turistico, generalmente della validità di 90 giorni.

Cucina

Non credete mai ad un messicano se vi dice che un piatto è poco piccante!! A parte gli scherzi il piccante è molto frequente, sempre meglio assaggiare con la punta della lingua le salse - verdi e/o rosse - che vi porteranno, prima di distribuirle copiosamente sul cibo! Gran parte del cibo messicano odierno è basato su tradizioni pre-ispaniche, comprese quelle azteche e maya, combinate con lo stile culinario introdotto dai coloni spagnoli. Le Quesadillas, per esempio, sono "tortilla" di farina o mais con formaggio (tipicamente un formaggio messicano morbido come il Queso Blanco), manzo, pollo, maiale e altro ancora; l'eredità indigena di quest'ultimo, come di molti altri piatti tipici,
è il peperoncino (chili). Piatti come questi sono tipicamente molto colorati grazie alla ricca varietà di verdure (tra cui i peperoncini, i peperoni verdi, broccoli, cavolfiori e ravanelli) e di carni nel cibo messicano. I cibi messicani cambiano da regione a regione a causa delle differenze climatiche, geografiche, etniche e, non ultimo, a seconda della maggiore o minore influenza ispanica. La zona settentrionale del Messico è nota per la produzione di manzo e di conseguenza si distingue per le pietanze basate su queste carni. La zona meridionale, d'altra parte, è conosciuta per i piatti con verdure piccanti e pollo. Fra le bevande ci sono poi gli "imperdibili": tequila, pulcre e mezcal.

Salute

Non sono richieste immunizzazioni specifiche per i viaggiatori che entrano nel Paese. In Messico, le malattie gastriche sono frequenti fra i turisti che non sono abituati al cibo locale e che non prendono precauzioni. Non bere acqua del rubinetto e preferire acqua minerale imbottigliata e senza ghiaccio. Evitare di mangiare gelati, sorbetti, piatti crudi o poco cotti, in particolare carne o pesce. Se possibile ordinare piatti caldi. Portare medicinali anti diarrea e ricordare di lavarsi le mani attentamente prima di ogni pasto.

Notizie utili

Nome completo del paese: Stati Uniti del Messico
Superficie: 1.972.550 kmq
Popolazione: 111,211,789 abitanti
Capitale: Città del Messico (8.681.400 abitanti, 21.233.900 abitanti nell'area metropolitana)
Popoli: 60% meticci (di sangue misto indio ed europeo) e 30% indios, discendenti delle popolazioni autoctone, fra cui nahua, maya, zapotechi, mixtechi, totonac e tarascos o purépecha, 9% bianchi (per lo più di lontana ascendenza spagnola), 1% altri
Lingua: spagnolo (uff.), idiomi amerindi (nàhuatl, maya, mixteco)
Religione: 89% cattolica, 6% protestante
Ordinamento dello stato: repubblica federale
Presidente: Felipe Calderón (2006)

Libri & Cinema

LIBRI > Cacucci è uno degli scrittori italianI che a nostro giudizio è riuscito meglio a trasmettere il concetto di "messicanità". Tanti i suoi libri che meritano di essere letti prima e durante il viaggio ma su tutti vi segnaliamo "La polvere del Messico". Fra i messicani ci piacciono Angeles Mastretta con "Strappami la vita" e "Donne dagli occhi grandi", Laura Esquivel con "Come acqua per il cioccolato" ed ovviamente il Subcomandante Marcos con i suoi numerosi scritti e libri sulla realtà zapatista in Chiapas.

CINEMA > Iñarritu l'ha fatta da padrone in questi ultimi anni con "Amores perros", "21 grammi", "Babel" e "Biutiful". Da non perdere però anche: "L'angelo sterminatore" di Luis Buñuel, "La montagna sacra" di Jodorowsky e fra i più recenti "Frida", "Traffic", "Il labirinto del fauno", "Y tu mama también", "Come acqua per il cioccolato" ed "Il crimine di Padre Amaro". Non dimentichiamoci infine di "Puerto Escondido" di Gabriele Salvatores con Bisio, Abatantuono e la Golino e di "Viva San Isidro" sempre con Abatantuono.

Qualche domanda? _ +