PeruEtico: l'idea

PeruEtico è un tour operator di turismo responsabile con sede a Cusco sulle Ande, che organizza viaggi in Perù, Messico ed Argentina.

Siamo anche un'Associazione specializzata nell'inclusione sociale in Perú. PeruEtico, 2 realtà, 1 sogno in comune, turismo e solidarietá.

PeruEtico: il viaggio

Ti piacerebbe poter finanziare, con il tuo viaggio, dei microprogetti in zone disagiate del Perù?

Vorresti entrare in contatto con la popolazione locale e vedere come vive? Preferiresti visitare il paese scoprendo luoghi fuori dalle solite rotte convenzionali?

L'Inti Raymi, la festa del Sole e di Cusco

L'Inti Raymi, la festa del Sole e di Cusco

L'INTI RAYMI (dal quechua "Festa del Sole") era una cerimonia andina che si celebrava in onore del INTI (Dio Sole) che si realizzava ogni solstizio d'inverno, il 24 di giugno nell'emisfero sud, dove si trova il Peru.

Durante il solstizio d'inverno, ci sono il giorno piú corto e la notte piú lunga dell'anno, e per le popolazioni Inca, questo avvenimento aveva un'importanza fondamentale, perché era considerato il primo giorno dell'anno e si associava con le origini dell'etnia Inca stessa. L'origine mitica Inca infatti racconta di come i primi Inca fossero stati mandati sulla terra direttamente dal Dio Sole. Nell'antichitá normalmente le preparazioni e la festa dell'INTI RAYMI duravano circa due settimane, durante le quali si celebrava il Dio Sole con danze, cerimonie e sacrifici, e, non solo era la festa piú importante per celebrare il Sole, ma aveva anche molta importanza politica e sociale, perché era questo il momento il cui le popolazioni conquistate rinnovavano la propria fedelta all'imperatore Inca.

L'importanza che aveva il Sole nella vita quotidiana delle popolazioni Inca si evidenzia anche dalla rigorosa preparazione dei partecipanti della festa dell'INTI RAYMI: soltanto era permesso mangiare mais bianco crudo e poche erbe locali chiamate "chúcam" e acqua. In tutto il tempo di preparazione che precedeva l'INTI RAYMI non era permesso accendere fuochi in tutta la cittá di Cusco ed erano proibite le relazioni fra le coppie, anche sposate.

Anche se ancora oggi questa festivitá é conosciuta ancora con il suo nome quechua, sappiamo che é una celebrazione comune a moltissime popolazioni preispaniche delle Ande e che sicuramente precede di moltissimo la formazione dell'Impero Inca.
Nell'attualitá nella cittá di Cusco, l'INTI RAYMI ha un carattere distinto, ed é una riconostruzione storica prevalentemente rivolta al turismo e anche alla popolazione locale che da sempre si sente legata alle tradizioni Inca.

Attualmente la rappresentazione storica dell'INTI RAYMI si svolge sempre durante il solstizio d'inverno, il 24 si giugno, e si realizza nei tre scenari storici della festa: inizia di fronte al Tempio del Sole, il Coricancha, attraversa la Plaza de Armas di Cusco fino a raggiungere la meravigliosa e imponente fortezza di Sacsayhuamán, dove la celebrazione raggiunge il culmine della propria bellezza.

Scrivi un commento

Qualche domanda? _ +